25€

Le matite che fioriscono

Matite fioriteAvete mai provato a contare quante matite avete usato, sfruttato, temperato fino a consumarvi i polpastrelli sul foglio e poi gettato?

Sarebbe un dato interessante per ottenere una sorta di bilancio creativo della propria esistenza, ma l’idea regalo che vi presentiamo qui si concentra sul futuro della matita e non sul suo passato.

Le matite fiorite, ad una prima occhiata, appaiono simili in tutto e per tutto a centinaia di altre matite: sono di legno, contengono una comune mina di grafite e l’estremità di essa si distingue per il colore più scuro rispetto al resto del legno.
Quindi perché queste matite dovrebbero fiorire? E la cosa come accadrebbe? Mentre tracciate sontuose linee sul vostro foglio vergine e bianco, spunta un germoglio dalla matita?
No, nulla del genere e nessuna edera rampicante cercherà di avviluppare il vostro braccio!

Il segreto sta nell’estremità finale della matita, quell’ultima parte più scura. Non è una gomma e non è colorata solo per rendere la matita più “graziosa”: la verità è che lì dentro sono contenuti tre semini pronti a fiorire! Per fare in modo che ciò accada, basterà, una volta sfruttata l’intera matita, invece che buttarla, piantare quel che ne rimane in un vasetto di terra. A questo punto dovrete annaffiarla e metterla al sole, come fareste con una normale piantina. I semini seguiranno il loro corso e daranno vita ad un tenero germoglio.

E’ un’idea regalo brillante, biocompatibile ed è adatta sia a disegnatori di tutte le età, sia ad amanti della cucina aromatica che usano la matita solo per fare la lista della spesa!

Le matite sono vendute in pacchetti da otto e ognuna corrisponde ad una pianta aromatica. Il nome della piantina lo trovate inciso sul fusto della matita, così che piantandola possiate riconoscerla. Queste sono: basilico, coriandolo, menta, aneto, prezzemolo, salvia, timo e rosmarino.

Inoltre, le matite fiorite rilasciano un aroma gradevole anche durante il loro utilizzo principale.

Troppotogo