Piante da Seminare in Estate

PrimulaAnche chi non è proprio un esperto nel settore saprà che, per avere un giardino fiorito, i semi vanno gettati in primavera, così da poterne vedere i frutti in estate.

Anche in piena estate, tuttavia, è possibile darsi al giardinaggio “last minutes” e avere, in breve tempo, dei risultati davvero sorprendenti, magari dando un tocco di vivacità con dei vasi e degli accessori per piante particolari.

Ci sono, infatti, una serie di piante, che fanno parte di quelle definite “biennali”, i cui germogli vanno gettati proprio nel pieno della stagione calda, precisamente tra la fine del mese di luglio e agosto.

E’ il cado della primula e della viola, che sono in grado di dare già qualche fiore prima dei freddi invernali e la cui  semina  può avvenire in qualsiasi momento dell’anno, a patto che i germogli siano mantenuti  a temperature di almeno 15°C.

Si tratta di piante molto resistenti, che continuano a vivere anche in inverno, rimanendo praticamente intatte.

Per le primule che vengono fatte crescere in vaso si suggerisce di cambiare vaso ogni due anni, provvedendo ogni volta a rimpiazzare il vecchio contenitore con uno di dimensioni maggiori.

La semina delle primule può avvenire in qualsiasi momento dell’anno, mantenendo i germogli a temperature di almeno 15°C.

Chi cerca dei fiori che crescano in fretta per rimettere in sesto l’aiuola per l’estate, potrà affidarsi alle ipomee, meglio conosciute come campanelle.IPOMEE

La più diffusa delle Ipomee è quella con il  fiore blu-viola, accanto alla quale si trova quella a fiore bianco, particolarmente profumata, e la “Star of Yelta”, con fiori molto piccoli di un blu intenso e scuro.

Se adeguatamente rifornite di acqua e del sole che richiedono, queste  piante sono  capaci di ricoprire, da sole, aree molto vaste.

Ciò che conta è offrire loro il giusto sostegno durante la fase della crescita che, peraltro, procede a ritmi così incalzanti da lasciare sbalorditi.

Dopo pochi giorni che i semi saranno stati riposti nel terreno, infatti,  le ipomee si moltiplicheranno lungo un piccolo fusto che tende ad innalzarsi e ad appoggiarsi a qualsiasi appiglio trovi.

Una volta sbocciati, i fiori si apriranno al mattino e si chiuderanno di sera, per ingiallire soltanto ad autunno inoltrato.